Via Trieste, 40 - 21030 Brinzio (Va) - Tel: 0332.435386 - Fax: 0332.435403  - Email: info@parcocampodeifiori.it
Home > Patrimonio Storico > Monumenti storici

Monumenti storici

Birrificio Poretti

Birrificio Poretti

Complesso industriale in stile Liberty risalente al 1901 progettato dai F.lli Bihl di Stoccarda ai quali fu commissionato il lavoro da Angelo Poretti fondatore nel 1877 dell'intero complesso industriale.

Badia di Ganna

Badia di Ganna

Nata solo come cappella nel XI sec. divenne presto un monastero benedettino di grande importanza religiosa e sociale, con un piccolo chiostro pentagonale risalente al XIII-XIV sec. capace di accogliere i pellegrini che passavano per la Valganna.

Maggiori informazioni sono reperibili su www.badiadiganna.org

Brinzio e Castello Cabiaglio

Brinzio e Castello Cabiaglio

Borghi rurali di antichissime origini che conservano intatto il loro fascino discreto. Castello Cabiaglio, che diede i natali al pittore Giovan Battista Ronchelli (1715-1788) conserva nella parrocchiale di S. Appiano, affreschi dello stesso.

Convento San Francesco

Convento San Francesco

Antico monastero fondato dai francescani, sul M. S. Francesco, pare attorno alla metà del XIII sec. Sin dall'epoca di F. Borromeo non ne restano che rovine. (Velate)

Grand Hotel Campo dei Fiori

Grand Hotel Campo dei Fiori

Mirabile esempio di architettura Liberty è il Grand Hotel Campo dei Fiori progettato dall'Arch. Giuseppe Sommaruga nel 1908 per la Soc.Grandi Alberghi Varesini. Fu inaugurato nel 1912 assieme al Ristorante Belvedere e alla stazione della funicolare Vellone-Campo dei Fiori. Per la sua costruzione furono impiegate ingegnose soluzioni costruttive e impiantistiche. Per circa mezzo secolo il complesso fu meta di un grande flusso di turismo d'elite, interrotto solo dalle due guerre mondiali. Nel 1958, però, con la chiusura della funicolare, ebbe inizio il declino e nel 1968 albergo e ristorante chiusero i battenti.

Rocca di Orino

Rocca di Orino

Antico recetto del XV sec. sorse forse su basi più antiche e fu inteso come ricovero ternporaneo della popolazione locale in occasione di invasioni e saccheggio. Venduta in seguito dal conte Giulio Visconti Borromeo, passò nelle mani di famiglie locali.

Torre di Velate

Torre di Velate

Situata nella zona sud dell'antico bordo, è un'antica costruzione difensiva, risalente all 'XI-XII secolo, di cui restano soltanto i ruderi: la parete settentrionale e quella orientale. Quest'ultima testimonia la presenza di cinque piani oltre il piano terra. E' attualmente una proprietà del FAI.